Derattizzazione

images

La derattizzazione ecologica, denominata EKOMILLE, consente di catturare topi e ratti utilizzando esche alimentari naturali e trattenendo le carcasse evita la dispersione nell'ambiente eliminando i rischi da contaminazione con sostanze anticoagulanti potenzialmente pericolose per tutti gli animali a sangue caldo. EKOMILLE, è sicura ed igienica: non utilizza sostanze nocive o pericolose per l'uomo e utilizzata in maniera continuativa ed efficace produce risultati migliori rispetto ad interventi di sola natura chimica.

Deblattizzazione

images

Le blatte sono animali che si riproducono rapidamente veicolando agenti patogeni pericolosi per l'uomo. Oltre alle classiche soluzioni che consistono nell'irrorazione di insetticidi noi consigliamo due soluzioni alternative a basso impatto ambientale:

  • La saturazione a nebbia calda: diffusione nei condotti fognari e nelle colonne di scarico di nebbia ad alta densità, fitta ed impregnante con un formulato insetticida abbattente e snidante.
  • Il gel a ciclo chiuso, che prevede l'applicazione controllata di millesimali quantità di sostanza attiva in precise "zone critiche" ottenendo un rapido e completo controllo dell'infestazione con un impatto ambientale praticamente nullo.

Parassiti dell'uomo

images

Cimici dei Letti, Zecche, Pulci, Acari, Pidocchi, sono parassiti tenaci che invadono gli ambienti e i locali in cui normalmente viviamo, lavoriamo, trascorriamo la maggior parte del nostro tempo. Per eseguire una scrupolosa e profonda disinfestazione , bisogna individuare tutti quei potenziali focolai nei quali i parassiti possono alloggiare. Se purtroppo siete afflitti da questo problema, Gli ambienti devono essere bonificati per cercare di risolvere il problema prima possibile.

Formiche e Termiti

I problemi causati da questi insetti sociali vengono spesso sottovalutati, ma essendo vettori di agenti patogeni possono compromettere l'integrità dei prodotti alimentari e degli ambienti di stoccaggio. Le termiti inoltre intaccano le strutture fisse e mobili degli edifici mettendone a repentaglio sicurezza e stabilità. In entrambi i casi proponiamo tecniche ad altissima tecnologia che sfruttano i principi comportamentali di questi insetti per eliminarli completamente.

images

Striscianti

Il territorio italiano è ricco di serpenti; che proliferano tranquillamente nelle zone tranquille di campagna appena fuori dai centri urbani. Molte specie di rettili, sono innocue ma altre potenzialmente pericolose; parliamo di una quindicina di specie, tra colubridi e viperidi, distribuite in modo uniforme nella nostra penisola. La legge dichiara chiaramente che non è possibile sopprimere o allontanare con metodi non rispettosi della loro salute serpenti e vipere. Ci rendiamo conto che la presenza di uno strisciante possa non essere gradita al punto di sfociare per tante persone in una vera e propria fobia; tuttavia per chi vive in campagna, nascosto in qualche anfratto, non è raro scoprire un nido di serpenti.

images

Disinfestazioni Condomini

Tutti gli interventi di disinfestazione nei condomini sono eseguiti da personale qualificato, con il massimo rispetto per l'ambiente circostante e verso le altre specie animali. Vengono utilizzati esclusivamente prodotti non nocivi per persone ed animali autorizzati dal Ministero della Salute ed attrezzature e tecnologie all'avanguardia per il monitoraggio degli interventi di disinfestazione effettuati. I piani di disinfestazione vengono proposti dopo aver eseguito un accurato sopralluogo dello stabile e delle categorie di infestanti da combattere. Le disinfestazioni condominiali sono effettuate contro insetti striscianti, come la processionaria del pino, le zecche, le blatte/scarafaggi, contro insetti volanti, come mosche, zanzare, zanzare tigre, vespe e contro topi e ratti. Si effettuano anche servizi di allontanamento volatili.

Il controllo degli agenti infestanti nell'HACCP

I luoghi in cui si detengono e manipolano alimenti, come i ristoranti, pizzerie, bar, supermarket, depositi, industrie alimentari ecc. sono di frequente visitati da ospiti indesiderati che possono recare danni sia economici, sia sanitari. Parliamo ovviamente degli infestanti rappresentati da insetti striscianti e volanti, roditori, chirotteri e volatili in genere, che attraverso i loro escrementi o le loro secrezioni possono contaminare i cibi, le bevande e le superfici con cui entrano in contatto. Questi animali possono ospitare e veicolare batteri, virus, muffe e protozoi; in alcuni casi gli stessi infestanti possono essere parassitati da altri animali vettori di agenti patogeni, esempio sono le zecche dei piccioni o dei ratti. L'importanza di esercitare un attento controllo su questi agenti è tale che nel 2010 è stata licenziata una norma UNI la 11381:2010 la quale fornisce uno standard da seguire in merito alle procedure da adottare per il controllo degli infestanti con particolare riferimento agli insetti. Nelle aziende alimentari il sistema di autocontrollo basato sul metodo HACCP, istituito con la direttiva 93/43 in seguito sostituita con l'attuale Regolamento CE 852/04, è stato ritenuto lo strumento più importante per poter prevenire e tenere sottocontrollo i pericoli che possono compromettere la sicurezza delle matrici alimentari. Le strategie da adottare per il controllo degli infestanti prevedono tre fasi principali: prevenzione, monitoraggio e lotta. La prevenzione mira a ridurre la possibilità di infestazioni attraverso l'adozione di alcuni accorgimenti sia di carattere strutturale che comportamentale. La successiva fase di monitoraggio ha la funzione di verificare l'efficacia degli interventi adottati la quale deve essere confermata con l'assenza di infestanti o loro tracce. La disposizione delle postazioni deve essere riportata su piantina planimetrica al fine di facilitare il controllo mentre l'esito del monitoraggio visivo deve essere annotato su apposita scheda riportante il numero di catture rilevate ed eventuali annotazioni. Il controllo degli infestanti termina con la lotta vera e propria che si attua attraverso l'impiego di sostanze e mezzi scelti in base al tipo di infestazione, alla specie infestante, al grado di infestazione ed alla sua localizzazione (locali interni o aree esterne, presenza di materiali assorbenti, spazi inaccessibili ecc.). Possiamo quindi concludere affermando che il controllo degli infestanti non deve essere considerato come un intervento sporadico da effettuare a seguito del verificarsi dell'infestazione, ma come la costante applicazione di un insieme di regole elaborate con il fine di ridurre o meglio eliminare la presenza di questi temibili animali. Non esitate a contattarci, compilando il form dalla sezione contatti o chiamandoci per una consulenza gratuita.